COMITATO NO DISCARICA PIANOPOLI


ASSEMBLEA REGIONALE STOP TTIP

banner_web

Il TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership) è un accordo sul commercio e gli investimenti in fase di negoziazione tra USA e Unione Europea.

I negoziati attorno al TTIP, iniziati nel luglio 2013, sono volutamente segreti.

I contenuti, che interessano settori diversi, dal commercio, ai servizi locali, agli investimenti, ecc. rappresentano un tentativo di ulteriore erosione delle garanzie conquistate in anni di lotte sociali dal punto di vista del diritto del lavoro, dei diritti umani, della tutela ambientale, della sicurezza alimentare, degli istituti democratici.

Governi, grandi imprese e lobby economiche provano così, con l’alibi di un’omogeneizzazione delle normative, a disegnare un quadro di pesante deregolamentazione il cui obiettivo principale non saranno tanto le barriere tariffarie, già abbastanza basse, ma quelle non tariffarie, che riguardano gli standard di sicurezza e di qualità di aspetti sostanziali della vita di tutti i cittadini: l’alimentazione, l’istruzione e la cultura, i servizi sanitari, i servizi sociali, le tutele e la sicurezza sul lavoro. Continua a leggere

Annunci


STOP EOLICO

LOCANDINA_01

Ancora un altro impianto inutile e dannoso Tra Platania, Feroleto e Lamezia Terme

Opponiamoci all’ennesimo mega-impianto eolico che devastera’ irreversibilmente il nostro territorio ed arricchira’ le solite imprese che con le fonti alternative e rinnovabili hanno trovato un nuovo modo per fare profitti a discapito dell’ambiente e della salute. Che senso ha la realizzazione di un ennesimo impianto eolico in una regione come la calabria che – solo nel 2014 – ha prodotto un esubero di energia elettrica pari al 60%? Che senso ha la realizzazione di un ennesimo impianto eolico che ci vedrà costretti a pagare – sulla bolletta enel – altri euro che serviranno solo a garantire l’esistenza di questi ecomostri?

Discutiamone insieme

Assemblea popolare

Venerdì 13 novembre 2015 – ore 18:00

Ex edificio scolastico valentino de fazio (platania)

Comitato per il NO all’Eolico sul Reventino


LA VERITA’ SULLE BIOMASSE

Il Comitato contro la discarica di PIANOPOLI sostiene la lotta del Comitato No Biomasse Lamezia ed invita tutti a partecipare all’importante assemblea che si terrà domani sera al Parco Peppino Impastato che vedrà la presenza del dott. Ferdinando LAGHI, vice presidente ISDE.

convegnonobiomasse


UN CICLO DEI RIFIUTI CONDIVISO PER USCIRE DALLA BARBARIE

indexSe esiste una descrizione adeguata del pachidermico e inquinante sistema dei rifiuti calabrese, tale descrizione è quella fornitaci dalla Commissione Parlamentare d’inchiesta sugli illeciti connessi al ciclo dei rifiuti in Calabria, la quale ha individuato con chiarezza “un sistema di potere non estraneo agli interessi politico-malavitosi”.

È il sistema delle deroghe alle normative sanitarie ed ambientali, degli impianti privati e degli interventi senza alcuna logica né pianificazione, del business “tal quale” e dei prezzi gonfiati, dell’eterna emergenza e delle decisioni prese nel chiuso delle stanze, che costringono i territori a scendere sistematicamente in strada. Continua a leggere


SERRASTRETTA: Presentazione LIBRO BIANCO

Libro Bianco a Serrastretta 19.10.2014LIBRO BIANCO sula GESTIONE degli ACQUEDOTTI CALABRESI

Il Coordinamento Calabrese Acqua pubblica “Bruno Arcuri”, in collaborazione con la Biblioteca Comunale Luis Scalese e il Comitato No Discarica di Pianopoli presentano il LIBRO BIANCO sula Gestione degli Acquedotti Calabresi.

Sabato 18 ottobre 2014 presso la Sala Brezia di Serrastretta (CZ) Continua a leggere


Lunedì 21 luglio i comitati ambientalisti e i precari Lsu-Lpu presidieranno insieme Palazzo Campanella

#decidiamonoi - 10 maggio 2014 (61)Un Consiglio regionale decaduto, a seguito delle famose dimissioni del Presidente Scopelliti successive alla condanna in primo grado per il caso Fallara, continua in maniera spudorata ed arrogante le sue attività, riunendosi e legiferando come se nulla fosse. Certo la giustificazione è data dalla necessità di dover assolvere agli atti indifferibili e urgenti, pena ulteriori danni per i calabresi: ma chi è che stabilisce quali siano gli atti veramente indifferibili e urgenti?
Non ci sembra questo, ad esempio, il caso della legge di riordino del settore rifiuti la cui mancata approvazione,nonostante le minacce apocalittiche dell’assessore Pugliano, a nostro modo di vedere creerebbe più danni ai privati che non vedono l’ora di rientrare a pieno titolo nella gestione del servizio, che ai calabresi che continuano a subire quotidianamente i danni di anni e anni di mala gestione. Una legge piena di belle parole e di grandi proclami, ma che si deve “armonizzare” con delle linee guida che guardano solo ai grandi impianti e a mantenere l’inceneritore di Gioia Tauro, piuttosto che ad un’inversione di rotta radicale che punti alla massimizzazione della raccolta differenziata. Continua a leggere