COMITATO NO DISCARICA PIANOPOLI

Tre rinvii a giudizio

Lascia un commento

Per tre non luogo a procedere, mentre altri tre imputati dovranno invece affrontare il processo che inizierà nell’aprile del 2011. Questo il pronunciamento del gup di Lamezia, Carlo Fontanazza, relativamente alla vicenda della realizzazione della discarica Daneco di Pianopoli. Escono di scena da questa storia Salvatore Colombo, 47 anni, di Cesano Maderno (MI), Alberto Errico, 46 anni di Belluno ed Enrico Bruschi, 54 anni di Pessano con Barnago (MI). Sono stati rinviati a giudizio invece Carla Gasparro, 53 anni di Vercelli, Paolo Nuvolone, 48 anni di Bellinzago Novarese e Pasquale Bianco, 78 anni di Cosenza. Secondo le accuse, per le quali il pm Alessandra Ruberto aveva chiesto il rinvio a giudizio, D’Errico, in qualità di amminstratore unico della Ecoinerti, Colombo, direttore dei lavori e Bruschi, amministratore delegato della Daneco (azienda che ha da poco aperto una megadiscarica in località Carratello di Pianopoli), senza la prescritta autorizzazione, avrebbero realizzato lavori su un bene paesaggistico e in particolare su bene sottoposto a rimboschimento. E ancora, Gasparro, amministratore unico della Ecoinerti, Nuvolone, ingegnere incaricato della valutazione dell’impatto ambientale, e Bianco, geologo incaricato del piano geologico, traendo in inganno l’amministrazione comunale di Pianopoli e il commissario per l’emergenza ambientale, prospettando una realtà dei luoghi diversa da quella esistente e in particolare attestando ognuno per quanto di propria competenza che il terreno in questione non era interessato da movimenti franosi, che sullo stesso non esistevano falde acquifere fino ad oltre 50 metri di profondità, che il terreno avesse un coefficiente di permeabilità superiore a quello effettivamente esistente, che sullo stesso non esistevano ne manifestazioni sorgentizie, ne coltivazioni agricole, avrebbero indotto l’ufficio del commissario ad attestare falsamente nel copo dell’ordinanza 2873 del 3.3.04, con la quale veniva concessa l’autorizzazione alla realizzazione della discarica rsu, l’insussistenza di caratteri strutturali dei luoghi ostativi rispetto alla realizzazione della citata discarica.

Il Quotidiano della Calabria

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...